background

Press and reviews

 

  Recensione "Josef" di Flavio Caprera su Jazzconvention.net
 

 

  Recensione "In The Still Of The Night" di Fabio Ciminiera su Jazzconvention.net
 

 

  Recensione "Josef" di Maurizio Capobianco
 

 

  Recensione "In The Still Of The Night" di Maurizio Capobianco
 

 

  Recensione di Franco Bergoglio: JDD Trio+Bearzatti
 

 

  Recensione Messaggero Veneto di Gabriele Giuga: JDD Trio+Bearzatti
 

 

  Recensione Gazzettino Juri Dal Dan e Romano Todesco musicano A.Poe di Nico Nanni
 

 

  Recensione gazzettino concerto Juri Dal Dan e Clara Rivieri octet di Valentina Silvestrini
 

 

  Recensione Metropolis al Mittelfest 2013
 

 

  Recensione online www.circuitomusica.it di Alberto Godas
 

 

  Recensione rassegna "Leggermente" con Paolo Patui a San Daniele di Francesca Pessotto
 

 

  Intervista al Gazzettino di Francesca Pessotto
 

 

  Recensione del concerto in piano solo al Molo Audace di Trieste
 

 

  Recensione del Gazzettino della musicazione del film Der Golem al Mittelfest 2012
 

 

  Recensione disco Solitudini di A Ioime
 

 

  Recensione concerto festival "La fabbrica del Jazz" Schio
 

 

  Recensione disco Solitudini su JazzIt  (Flavio Massarutto)
 

 

  Fante, Patui e Pn Big Band - Una serata di grandi sogni (Clelia Delponte)
 

 

  Juri Dal Dan al Pasolini con i suoni del Viaggiatore (L.Di Varmo)
 

 

  L’INTERVISTA Nuovo cd a fine 2009 del musicista pordenonese (F.Massarutto)
 

 

  Sonata friulana per le gag di Charlot (Cristina Savi)
 

 

  Juri Dal Dan Trio (P. Bomben)
 

 

 

Jazz Magazine   Rivista Jazz Magazine [ leggi ]
 

 

  Ritmo e melodia accattivanti (F. Massarutto) [ leggi ]
 

 

  Juri Dal Dan Trio [ leggi ]
 

 

  Juri il sound della passione (P. Michelutti) [ leggi ]
 

 

  Trova conferma il talento di Dal Dan (C. Savi) [ leggi ]
 

Contacts

 

 

 

 

 






















Projects

Juri Dal Dan Trio + Francesco Bearzatti
Clara Rivieri Juri Dal Dan Octet
Clara Rivieri Quartet
Pordenone Big Band
Juri Dal Dan e Federico Missio

 


 

Juri Dal Dan Trio + Francesco Bearzatti

Juri Dal Dan Trio

da sinistra:


Romano Todesco - Contrabbasso
Juri Dal Dan - Pianoforte
Alessandro Masutti - Batteria

Formatasi nel 2002 come trio, la formazione vede all'attivo diversi dischi: "Juri Dal Dan Trio" uscito nel 2004, "Africa Personale" uscito nel 2006 con la partecipazione di Francesco Bearzatti e la Pordenone Big Band, "Trilogia di un Viaggiatore"  pubblicato nel 2010 e che sancisce la collaborazione definitiva con l'etichetta artesuono di Stefano Amerio, quindi seguono "Solitudini" uscito a gennaio 2012 con Francesco Bearzatti, che da lì in poi diventerà membro fisso della formazione, "Josef" 2015 e "Immaginario Blues" 2018. Oltre a numerosi concerti il trio ha partecipato a numerose rassegne e festival nazionali ed internazionali.
Il disco Africa Personale nel 2009 ottiene un ottimo riscontro di critica grazie alla pubblicazione di un articolo dedicato al trio da parte della rivista Jazz Magazine che definisce Juri Dal Dan una delle promesse del Jazz Italiano (riferimento n° rivista 73).  Hanno collaborato e collaborano con lo Juri Dal Dan Trio : Piero Cescut, Massimo Manzi, Francesco Bearzatti, Massimo Nicoletti, Ermes Ghirardini, Federico Missio. Diverse sono le partecipazioni in RadioRai (jazz e Dintorni condotta da Piero Pieri), Radiocapodistria (Il Giardino di Euterpe condotta da Giueseppe Signorelli) e Radiospazio 103 (jazz con Zavamma di Luca di Varmo). Il trio ha partecipato alla manifestazione Pordenonelegge 2010 presentando il libro di Adriano Mazzoletti "il jazz in Italia dallo swing agli anni sessanta" con la partecipazione di Flavio Massarutto. I brani "Tornando a Casa" e "Dosti Blues" tratti dal disco Trilogia di un Viaggiatore sono stati trasmessi all'interno della trasmissione Battiti in onda su RAI Radio 3. 
Il trio chiuso la Rassegna "Jazz and Wine 2011 confinando"  con Francesco Bearzatti. Nel 2012 esce per artesuono il  cd "Solitudini" con Francesco Bearzatti e partecipa al festival "La Fabbrica del Jazz" di Schio, "Festival Jazz Blues in Villa" FVG 2012. Il trio partecipa a svariate edizioni del Mittelfest  musicando dal vivo con composizioni originali i film: Der Golem di Wegener, Metropolis di Lang e 20000 leghe sotto i mari di Paton.
Il disco Solitudini viene premiato dalla rivista JazzIt come uno dei migliori dischi italiani del 2012. il trio partecipa al VI Festival Pianistico Internazionale 2013 di Trieste organizzato dall'associazione il concerto. Nel 2014 lo Juri Dal Dan Trio + Francesco Bearzatti apre la collana di cd dedicata al Jazz in Friuli Venezia Giulia (JAZZFVG) che vuole restituire una panoramica dell'attività musicale di questo genere in regione. Nel 2015 incide il cd Josef che viene presntato per chiudere lo storico Jazz Festiva Udin&Jazz precedendo il concerto finale di Chick Corea. Nel 2018 la formazione inaugura la prestigiosa rassegna San Vito Jazz con l'ultima uscita discografica "Immaginario Blues" ottenendo ottimi consensi dalla critica specializzata nazionale (all about jazz).


 


 

Clara Rivieri Juri Dal Dan Octet

quartetto

da sinistra:


Marco Toso - secondo violino
Olga Zakharova - primo violino
Andrea Musto - violoncello
Margherita Cossio - viola
Alessandro Mansutti - batteria
Paolo Mazzoleni - contrabbasso
Clara Rivieri - voce
Juri Dal Dan - Piano

Cosa hanno a che vedere, tra loro, Cole Porter e Ruben Blades, Gardel e il fado portoghese, il folklore venezuelano e Lionel Hampton? Apparentemente, certo, nulla….o forse il fatto che appartengano, compositori o cantanti o generi diversi che siano, alla storia della musica, con la S maiuscola. Come affermano i due musicisti ideatori del progetto che riunisce tali molteplici e variegate componenti, Clara Rivieri e Juri Dal Dan: “ Ci siamo resi conto che avevamo dentro di noi un repertorio di musiche “dell’anima”, antiche e suggestive, che da sempre ci accompagnano, nella vita e nella nostra esperienza di musicisti. Abbiamo così pensato di condividere le emozioni che queste meravigliose canzoni suscitano in noi: esse ci affascinano e ci commuovono per la loro tuttora attuale bellezza”.

 


 

Clara Rivieri Quartet

quartetto

 

Il Clara Rivieri Quartet è un gruppo longevo che continua ad essere negli anni protagonista delle scene musicali in regione. L'amore per gli standards è il motore che permette a questa formazione di accedere con disinvoltura ad altre forme di linguaggio  non strettamente Jazzistiche e brani originali. Con "Time out of mind" il primo disco del quartetto, la leader Clara Rivieri vuole lasciare una  testimonianza artistica di un lavoro paziente, appassionato e creativo svoltosi negli anni.
l gruppo è formato da Clara Rivieri voce, Piero Cescut al basso elettrico, Roberto Buttignol alla batteria e Juri Dal Dan al piano.
Il gruppo si è esibito in numerosissime rassegne tra le quali citiamo San Vito Jazz 2011 e jazz club prestigosi.
 
Hanno suonato con il Clara Rivieri Quartet :
Oscar Vernier, Jacopo Zanette ,Alessandro Turchett, Andrea Pivetta

 


 

Pordenone Big Band

 Pordenone Big Band

 

visita il sito della Pordenone Big Band

 


 

Juri Dal Dan e Federico Missio

Federico Missio

 

 


  Vincitori del festiva internazionale del cinema muto Strade del Cinema di Aosta
"Per l'ottima sensibilità musicale in accordo con le immagini e una scrittura musicale rispettosa della linearità narrativa. Individuazione e scelta dei temi estremamente adeguata al clima della pellicola, capace tuttavia di lasciar trasparire e gustare un'interpretazione musicale personale, intima e nel contempo facilmente accessibile. Apprezzato l'utilizzo magistrale della composizione melodica, del suo sviluppo e del suo ritorno che ha reso la visione della pellicola fluida e mai scontata".
Con questa motivazione la giuria ha assegnato il primo premio, 1.500 euro per comporre l'accompagnamento musicale di un film muto messo a disposizione dalla Cineteca del Museo Nazionale del Cinema di Torino ed eseguirlo dal vivo nel corso di una serata speciale al prestigioso Cinema Massimo di Torino, oltre alla registrazione sul cd della collana Notes on Frames, al duo Federico Missio Movie kit, composto dal Federico Missio al sax soprano e da Juri Dal Dan al pianoforte.

Recentemente il duo ha musicato presso il cinema massimo di Torino nell'ambito della rassegna "Il cinema degli altri" tre cortometraggi restaurati dal Museo Nazionale del Cinema. Il duo ha partecipato alla manifestazione internazionale Strade Del Cinema 2011 di Aosta .

Collaborations

 

    Francesco Bearzatti    Federico Missio
    Maurizio Pagnutti    Massimo Manzi
    Clara Rivieri   Roberto Buttignol
    Piero Cescut    Alessandro Mansutti
           



Inoltre ha suonato  con:

Ellade Bandini, David Boato, Luigi Vitale, U.T Ghandi, David Jhar, Gaetano Valli, Giorgio Zanier, Alessandro Turchet, Andrea Pivetta, Didier Ortolan, Nevio Basso, Nevio Zaninotto, Oscar Vernier, Alan Malusà, Mauro Darpin, Matteo Sgobino, Flavio D'Avanzo, Piero Cescut, Gianni Measso, Lorena Favot, Daniele Dagaro, Stefano Gislon, Gianfranco Ciuffreda, Gigi Golfetto, Loris Badii, Gianni Regeni, Aliosa Jeric, Jaques Centonze, Stefano Muscovi, Paolo Muscovi, Riccardo Chiarion , Francesco Rombolà, Luigi Pellissetti, Luca Colussi, Simone Serafini, Enrica Bacchia, Giovanni Toffoloni, Ocho Rios, Angelo Benvenuto, Roberto Milanese, Mauro Zavagno, Francesco Bertolini  e tanti altri.

 

 

About

Musicista compositore, nato nel 1972 inizia gli studi pianistici a 8 anni, prima come autodidatta, poco dopo sotto la guida del maestro Lucio Pavan. Studia Jazz dai 15 anni in poi con Armando Battiston, Glauco Venier, Paolo Birro, Renato Chicco, Francesco Bearzatti, Marc Abrams. Frequenta numerosi seminari. Numerose e svariate sono le sue influenze musicali. Agli esordi, partecipa due volte al concorso Europeo di Vienne in Francia al quale accede tramite selezione: vi si esibisce prima con il gruppo N.Z. Quartet di Nevio Zaninotto e qualche anno dopo con il gruppo Racli con il quale incide un disco. I suoi progetti musicali sono: Juri Dal Dan Trio + Francesco Bearzatti, Juri Dal Dan e Clara Rivieri Octet, composizioni originali di musiche per cinema muto, Pordenone Jazz Big Band.

 

Juri Dal Dan

 
Eventi in ordine cronologico:
 
Dal 2002 al 2005 collabora in veste di pianista e compositore con la Big Band (Orchestra Laboratorio del F.V.G.) diretta da Glauco Venier. Nel 2005 arriva in finalissima al concorso Internazionale Massimo Urbani.
Nel 2007 esordisce nell'ambito del cinema muto sperimentale partecipando alla rassegna Visioni Sonore (Cinemazero), musicando quattro cortometraggi di Man Ray. Nel gennaio 2009 viene definito dalla prestigiosa rivista Jazz Magazine: "Una delle nuove promesse del pianoforte jazz italiano".
Vince insieme a Federico Missio il concorso Giovani Musicisti Europei 2009 al Festival Internazionale del Cinema Muto Musicato dal Vivo, Strade del Cinema di Aosta.
Partecipa alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone edizione 2009.
Insieme a Federico Missio ha musicato presso il cinema Massimo di Torino nell'ambito della rassegna "Il cinema degli altri", tre cortometraggi restaurati dal Museo Nazionale del Cinema.
Partecipa al festival Udin&Jazz 2010 con Massimo Manzi. In piano solo e in trio alla manifestazione Pordenonelegge 2010, presentando i libri di Marcello Lorrai "William Parker: conversazioni sul Jazz" e Adriano Mazzoletti " Il Jazz in Italia , dallo swing agli anni sessanta".
Partecipa a: Jazz Tunnel Festival (Croazia), San Vito Jazz 2011 con il Clara Rivieri Quartet, Jazz and Wine 2011 con il suo trio e Francesco Bearzatti, Festival Internazionale del Cinema Muto "Strade del Cinema 2011" di Aosta con Federico Missio, Festival la Fabbrica del Jazz 2012 a Schio e Festival Jazz Blues In Villa FVG edizione 2012 con il suo trio + Francesco Bearzatti, Jazz Festival Valcanover (Trento) con la Pordenone Big Band.
Diversi sono i dischi pubblicati e gli ultimi in particolare sono usciti per l'etichetta “artesuono” di Stefano Amerio.
Il disco "Solitudini" con Francesco Bearzatti al sax, viene premiato dalla rivista Jazzit come uno dei migliori dischi italiani 2012 nell'ambito del referendum nazionale e internazionale Jazzit Awards 2012. Partecipa all'edizione del Mittelfest 2012 musicando dal vivo con composizioni originali Der Golem di Paul Wegener. Tiene un concerto in piano solo al Molo Audace di Trieste per la rassegna Trieste love Jazz. Partecipa al VI Festival Pianistico Internazionale 2013 con lo Juri Dal Dan Trio organizzata dall'associazione "Il Concerto".
Partecipa all'edizione Mittelfest 2013 componendo le musiche per il film Metropolis di Fritz Lang ricevendo ottimi consensi dalla critica. Partecipa all'edizione Visioni Sonore 2013 di Cinemazero. In occasione delle giornate che hanno celebrato i 150 anni di T. Ciconi (dirette da Paolo Patui) ha composto le musiche del film muto Statua Di Carne fornito dalla Cineteca del Friuli .
Partecipa con il nuovo progetto "Juri Dal Dan e Clara Rivieri Octet" all'edizione Jazz Loft 2013 presso il Teatro Verdi di Pordenone, riscuotendo un buon consenso di critica e successivamente sempre con la stessa formazione al VII Festival Pianistico Internazionale 2014 e al festival CarniaArmonie oragnizzato dalla fondazione Bon e regione FVG.
Partecipa all'edizione MUSAE 2014 con lo Juri Dal Dan Trio. 
Partecipa alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone 2014 con Didier Ortolan al clarinetto, musicando il film Statua di Carne con musiche originali scritte da Juri Dal Dan.
E' tra i rappresentanti del Jazz in Friuli Venezia Giulia all'interno del disco "Jazz in FVG" uscito in dicembre 2014 e che raccoglie i migliori lavori prodotti negli ultimi anni secondo una valutazione effettuata dalla critica specializzata.
Ha partecipato come ospite al festival "Volo del Jazz" organizzato da Controtempo, nell'edizione 2014, musicato per l'edizione del Mittelfest 2015 il film "20000 leghe sotto i mari" di Stuart Patton, partecipato all'edizione Udin&Jazz 2015 con il suo trio e Francesco Bearzatti, inaugurato l'edizione "San Vito Jazz" 2018 con il suo ultimo lavoro "Immaginario Blues". 
Ha suonato con artisti di fama nazionale ed internazionale quali Ellade Bandini, David Boato, Luigi Vitale Marc Abrams e altri ancora.

E' stato più volte ospite nella trasmissione "Jazz & Dintorni" condotta da Piero Pieri su RAI Radio 1 a diffusione regionale, così come nella trasmissione di Giuseppe Signorelli "Il giardino di Euterpe" su Radiocapodistria. Le sue uscite discografiche sono state promosse all'interno della trasmissione "AnimaJazz" condotta da Bruno Pollacci in onda su Punto Radio (Toscana). E' stato più volte trasmesso all'interno della trasmissione "Battiti" in onda su RAI Radio 3 che definisce la sua musica "limpida e incisiva". Ha scritto le musiche per spettacoli teatrali quali: "Il vento avvelenato", scritto da Paolo Patui, interpretato da Paolo Patui e Gioele Dix, Olga Zakharova al violino e Juri Dal Dan al pianoforte e il "Il fututo Possibile" con Paolo Patui, Angelo Floramo e Pordenone Big Band. Recentemente ha collaborato e collabora con regolarità con la Zerorchestra partecipando al Roma Cinefest di Piazza Vittorio.

 

 

Juri Dal Dan
 

Foto di Riky Modena